Diagnostica dello strabismo
Collegamenti
Cover test
Contatti
La schiascopia è ... difficile da spiegare! Si basa sul riflesso di una luce focalizzata sul fondo dell'occhio; in mani esperte e con un minimo di collaborazione offre discreta precisione.
L'autorefrattometro fornisce risultati di precisione elevatissima. Solitamente, può essere eseguito dai tre anni in su.
Uno schermo di Hess ben eseguito indica quali muscoli non funzionano ed il grado del deficit muscolare. Indispensabile la collaborazione del paziente.
Approfondimenti
Questo bimbo con epicanto non è strabico: i riflessi corneali sono centrati rispetto alle pupille.
Strabismo convergente: il riflesso corneale destro è nettamente decentrato.
Le "E" di Albini consentono l'esame del visus dai 3-4 anni in su.
I genitori possono insegnare, a casa, il "giochino delle E" al proprio figlio. A tale scopo si usa una E ritagliata nel cartone. Al momento della visita tutto risultaerà più facile.
Nel TNO test solo i pazienti con visione binoculare normale, indossando occhiali particolari, vedono figure in rilievo nella pagina
Il Titmus test funziona in maniera analoga al TNO.

Sarebbero necessarie lunghe premesse di anatomia e fisiologia. Tuttavia, sintetizzando, possiamo dire che l'inquadramento diagnostico di ciascun caso di strabismo parte sempre da un esame anatomico delle diverse strutture oculari: è fondamentale sapere se vi sono ragioni organiche che impediscono ad uno o ad entrambi gli occhi di vedere (ad esempio una cataratta o un'altra anomalia congenita) o di muoversi (ad esempio, un impedimento meccanico o una paresi).

Si passa poi all'esame funzionale. che a sua volta comprende lo studio di due componenti principali del sistema visivo:

  • la componente sensoriale, che a sua volta comprende la capacità visiva (visus) di ciascun occhio (preso singolarmente) e la visione binoculare, cioè il modo in cui i due occhi interagiscono (fusione delle immagini, stereopsi);
  • la componente motoria, ovvero il complesso sistema che regola la posizione il movimento degli occhi nelle diverse direzioni.

L'approccio diagnostico dello strabismo varia in relazione all'età del soggetto da esaminare. Schematicamente, si possono identificare tre possibilità: neonato, bambino ed adulto.

Neonato

Nel neonato e, in genere, nei bimbi di età inferiore a 2 anni non ci si può attendere molta collaborazione.

Il visus è ovviamente ineseguibile. Lo stato della refrazione (astigmatismo, ipermetropia, miopia) è comunque oggettivabile mediante la schiascopia (che, in mani esperte, è estremamente precisa) e nei casi più fortunati con l'autorefrattometro. Tanto nei neonati quanto nei bambini, l'esame è affidabile solo se eseguito in cicloplegia, ovvero dopo aver instillato un collirio che dilata la pupilla e blocca l'accomodazione.

Per quanto attiene alla motilità oculare, l'esame più importante è quello dei riflessi corneali (vedi le foto a fianco). Inoltre, ci si può basare sulla motilità oculare spontanea (ad esempio, mostrando e spostando oggetti noti e colorati) e sulla reazione all'occlusione di un occhio per valutare sommariamente la condizione del sistema visivo.

Bambino

L'esame di vista può in genere essere eseguito dai 4 anni in su, utilizzando le "E" di Albini; dai 5-6 anni di età l'esame può essere eseguito con le lettere dell'alfabeto.

Lo stato della visione binoculare viene esaminato con diversi test. Tra questi il TNO test ed il Titmus test, semplici da eseguire ed in grado di fornire un risultato immediato.

Il cover test è l'esame di base per valutare l'angolo di strabismo, che in alcune forme è differente nelle diverse posizioni di sguardo.

Adulto

Gli esami di base sono quelli già descritti per il bambino.

Nell'adulto si ha molto spesso a che fare con paresi o paralisi di uno o più muscoli extraoculari, che sono talora seguite da un recupero più o meno parziale. In questi casi, l'esame allo schermo di Hess offre dettagli sulla capacità funzionale residua del muscolo (o dei muscoli) deficitari; esso consente di monitorare l'evoluzione del quadro e la sua stabilizzazione, momento fondamentale per un eventuale intervento chirurgico.

Progetto e realizzazione del sito: Romolo Fedeli

In ottemperanza alle norme di etica medica ed alle disposizioni correnti sulla privacy, tutti i dati (inclusi quelli personali) inviati a questo sito sono tutelati da segreto professionale e non verranno divulgati per nessun motivo. Le informazioni fornite su questo sito intendono completare, e non sostituire, le relazioni esistenti tra pazienti/visitatori ed i loro medici curanti. Questo sito è ospitato nel dominio della Fondazione Bietti per l'Oftalmologia - Onlus ed è stato progettato e realizzato dall'Autore. Testi, foto e disegni sono originali e non violano leggi sul copyright. Il sito non imposta cookie, è finanziato con fondi personali e non riceve alcun finanziamento commerciale.

Pagina aggiornata il: 15 novembre 2008

Numero di accessi a questa pagina:  23438

 Use OpenOffice.org
Sito segnalato da cercasalute.it