Gentili lettori di questa pagina,

  non so come ci siete arrivati, a questa URL, e vi posso assicurare che non è che siete arrivati a un gran posto. Il sito è in costruzione, per la verità da un sacco di tempo, e chissà quando e se mai vedrà la luce.
  Nella mia pagina, anche quando sarà pronta, non leggerete mai di quanto sono bravo, a quante associazioni scientifiche e culturali sono iscritto, o ancora vedrete effetti speciali da far impallidire Rambaldi. Non mi interessa e, poiché credo fermamente a quanto mio padre, fino al momento della sua morte, mi ha sempre fatto notare circa l'insignificante valore e la futilità degli onori e dei titoli, preferisco raccontarvi un poco della mia vita, nella chiave che i lettori che seguono le mie rubriche già conoscono da tempo.
  Ho cinquantadue anni e vivo ad Atripalda, un paesino in provincia di Avellino, perso tra le montagne, e noto solo per una azienda vinicola, la Mastroberardino, che produce un gran "Greco di Tufo", famosissimo in tutto il mondo, che costa fior di bigliettoni. Altro non c'è, in questa cittadina,  degno di nota, a meno che qualcuno di voi non la pensi come me, e ritenga il fatto di poter passeggiare nella piazza del paese, salutando e facendo quattro chiacchiere con il farmacista, l'elettrauto, il fornaio, una delle più grandi fortune del mondo. Scrivo per MCMicrocomputer da quindici anni, grazie alla dabbenaggine di Marco Marinacci che non ha ancora scoperto da dove ricopio di sana pianta. Ho voluto bene a una sola donna nella mia vita, e a lei devo praticamente tutto. Mi onoro dell'affetto di alcuni amici (pochi, stanno sulle dita di una mano), che sottopongo puntualmente alla tortura della lettura dei miei racconti, man mano che li scrivo. Ma loro sono buoni d'animo, e non me lo fanno mai notare.
  Ritengo di essere stato fortunato; svolgo un lavoro (quello serio) che mi piace molto, voglio bene a tutti e da tutti, mi auguro, sono benvoluto; non ho accumulato ricchezze anche perché non ne ho avuto mai occasione, e la cosa, sinceramente, non mi fa né caldo né freddo: riesco a mettere a tavola ogni giorno un piatto pieno, e mi ritengo una persona serena. Fino alla data del 5 luglio 1994 avevo sempre asserito che se il Padre Eterno mi avesse chiamato avrei fatto con animo lieto le valige in dieci minuti, ringraziandolo di quanto aveva avuto il buon cuore di concedermi, in base a chissà quale merito acquisito in un'altra vita. Ma quel giorno, alle tre di notte, mi è successa una cosa che mi ha reso la vita molto, molto preziosa. E' entrata nella mia esistenza una bambina ucraina, Anja che ha sconvolto la mia inutile esistenza di lavoro, mi ha tolto trent'anni di dosso, mi ha rincretinito come un collegiale al suo primo flirt, e mi ha fatto ancora di più capire i veri valori dell'esistenza, e cosa effettivamente significavano quelle lacrime che ho sempre visto negli occhi di mio padre quando ci guardava, noi tre figli. Oggi quando mi specchio in mia figlia, nei suoi occhi azzurri e trasparenti come un'acquamarina, quando l'ho vista piangere alla morte di mio padre e di mia madre chiamandoli "nonni", quando mi aspetta sul balcone che arrivi dal lavoro, quando fa inorridire la ragazza del banco dei gelati chiedendo un cono "nutella e uva", mi viene il sospetto che, nella mia precedente vita, appunto, debba aver come minimo guidato una crociata o essere stato socio di Oskar Schindler.
  E altro non credo vi interessi molto sapere, anzi siete stati fin troppo gentili a leggere fin qui. Auguro a tutti, indistintamente, il meglio che la sorte vorrà riservare ma ricordate, se mi permettete una piccola considerazione, che la più bella cosa, nella vita, è la vita stessa; purtroppo ha un solo difetto, è gratis!

  con gli auguri di una giornata serena,

raffaello de masi
mc1468@mclink.it

http://www.mclink.it/personal/MC1468

questa pagina è stata visitata
 13,879  volte dal 28/7/97;
grazie per averlo fatto!